Lavorare su Internet da Casa

In questa nuova era digitale, lavorare su internet da casa è un sogno per molte persone. Il lavoro online da casa rappresenta una nuova frontiera del lavoro, ed è al centro della teoria dello smart working. Una definizione interessante è quella data dall’Osservatorio del Politecnico di Milano secondo cui lo smart working è  “una nuova filosofia manageriale fondata sulla restituzione alle persone di flessibilità e autonomia nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare a fronte di una maggiore responsabilizzazione sui risultati”. Molte aziende europee utilizzando questa pratica per permettere ai dipendenti organizzare in maniera diversa il proprio tempo. Anche in Italia il fenomeno sta prendendo piede, principalmente nelle grandi aziende, perchè in quelle medio-piccole ancora è viva la credenza che si lavora solo quando si è sul posto di lavoro, ma i dati non dimostrano sempre questo. Infatti l’azienda che permette al dipendente di lavorare da casa ottiene dei risultati in termini positivi da due punti di vista principali: economico e di rendimento. Nel caso per esempio, si decida di concedere al dipendente un giorno di lavoro da casa su 5, si risparmierà sicuramente sui costi della postazione di lavoro per esempio e sull’uso degli strumenti. Per quanto riguarda il rendimento il dipendente concedergli un giorno di lavoro da casa lo rende sicuramente più rilassato e lavorerà meglio. Nel caso in cui si stia cercando lavoro ci sono lavori online pagati. Ad esempio ad oggi uno dei lavori più richiesto è inerente all’article marketing. Questo termine fa riferimento, per chi non lo sapesse, al una strategia di web marketing che prevedere la pubblicazione di numerosi articolo all’interno di un sito internet, in base alla parola chiave ricercate su google. In questo modo si potrebbe lavorare online per aziende. Generalmente ogni articolo, scritto in un determinato modo, lungo un tot di parole viene pagato dai 5 ai 50 euro quindi più si scrive e più si guadagna. Un altro lavoro che si può fare comodamente da casa è il lavoro telefonico. Ad esempio adesso va molto il recupero crediti telefonico. In questo caso l’azienda per cui si lavora, trasmette al dipendente una serie di contatti da chiamare e di attività da sbrigare. Questo tipo di attività può essere pagato ad ore, e spesso la tariffa non è altissima, oppure si prende come riferimento i casi chiusi e andati a buon fine.

Creare un Sito Web Professionale

Sai che molti personaggi famosi, del mondo dello spettacolo e della musica, hanno scelto di realizzare il loro sito con WordPress per creare un Sito Web Professionale?

Ebbene sì, di siti fatti con WordPress per personaggi famosi ce ne sono a bizzeffe, a partire da quello di Jay-Z, in cui si affrontano gli interessi dell’artista, per passare da quello di Katy Perry in cui ci sono testi, musica, info sui concerti e tanto altro, fino ad arrivare da quello della Sony Music, nota etichetta discografica. Ma cos’è Wordpress? WordPress è un CMS che sta per Content Management System, ossia Sistema di Gestione dei Contenuti per la pubblicazione di pagine web. Stiamo parlando, infatti, di applicazioni software che consentono di gestire i contenuti del tuo sito in modo molto più semplice e veloce, poiché consentono di creare, modificare o gestire articoli, menù, immagini e link senza ricorrere ai vari linguaggi web, come ad esempio l’HTML. Determinate tipologie di siti web richiedono il costante aggiornamento dei contenuti, prendi come esempio un sito e-commerce che cambia in continuazione la merce in vendita, oppure un sito che pubblicizzando eventi e manifestazioni, necessita di un’immediata gestione e distribuzione dei contenuti. Un’altro esempio potrebbe essere il blog, che richiede l’aggiornamento di articoli e temi trattati. In questi casi è indispensabile utilizzare il CMS, evitando di chiamare un esperto della programmazione ogni volta che si vuole apportare una modifica al sito, sia alla grafica che ai contenuti. La maggior parte dei siti che conosci, probabilmente si basa su una piattaforma CMS che permette all’utente di compiere una serie di funzioni sul proprio sito, in totale autonomia e semplicità. Delle piattaforme CMS che gestiscono siti web ne esistono diverse, ma tutte sono accomunate da queste caratteristiche:

  • Interfacce gestionali per l’amministrazione del CMS e per la pubblicazione dei contenuti
  • Template per la costruzione del design estetico del sito;
  • Database per l’archiviazione dei contenuti;
  • Strumenti di ricerca dei contenuti;
  • Strumenti per la formattazione del testo e per l’impaginazione;
  • Plugin per l’implementazione di funzioni;
  • Moduli di contatto e link per la condivisione social;
  • Supporto di Community per la risoluzione di bug e di problemi di sicurezza;
  • Suddivisione dei ruoli, abilitando  solamente alcuni utenti alla pubblicazione dei post e vincolando l’attività degli autori a quella degli editori;

In questo modo avrai un sito web professionale costo ridotto.

Come creare un sito WordPress su Aruba

Hosting e CMS, due elementi fondamentali per creare un sito web. La combinazione migliore? Aruba e WordPress. In questo articolo vedremo proprio come creare un sito WordPress su Aruba, spiegando innanzitutto come acquistare un dominio Aruba e come installare WordPress.

Partiamo proprio dal dominio: per prima cosa bisogna scegliere il nome e verificarne la disponibilità. Vi verranno richiesti i vostri dati e/o quelli della società a cui “intestare” il sito. Il nome del vostro dominio è occupato? Provate a cambiare l’estensione (.it,.com ecc.)! In questa operazione vi darà una mano Aruba che vi mostra una pagina con le diverse proposte e alternative di estensione disponibili. Una volta fatta questa operazione verrai reindirizzato su una pagina con i servizi per personalizzare il server ospitante. Qui dovrai selezionare il tipo di hosting e, ovviamente, selezionare Hosting WordPress. Insieme al dominio dovrai aver acquistato almeno un database MySQL e un Hosting Linux o Hosting Linux+Windows.

Una volta acquistato il dominio con i vari servizi è giunto il momento di installare WordPress. Quello che dovrai fare è collegarti sul sito di Aruba e cliccare sull’area clienti della sezione Hosting e Domini. Inserisci alla richiesta la tua mail (o il nome utente) e la password per accedere. Vai al Pannello di Controllo sotto la voce Gestisci Domini e clicca su Hosting Linux. A questo punto ti appariranno dei box, dovrai andare su Softaculous App Installer e cliccare Gestisci. Questo servizio viene reso gratuito da Aruba proprio perché precedentemente ci si è procurati un database MySQL e l’Hosting Linux; grazie ad esso ora si può installare un CMS tra cui lo stesso WordPress.

Prima di installare WordPress ti è permessa anche una Demo in modo da capire come utilizzare i primi strumenti. Una volta installato scegliete il protocollo e il dominio; a quest’ultimo dovrete aggiungere /wp (esempio: http://www.sitosito.com/wp).  

Ora è il momento di “collegare” il vostro database MySQL, WordPress vi guiderà passo passo a questa semplicissima operazione e all’attivazione di MySQL.

Creare sito WordPress? Non è così difficile, gli strumenti sono veramente tanti e per quanto riguarda la grafica con wp siete sicuri di non sbagliare. Che tu voglia un sito professionale o un blog dove farsi conoscere ora potrai soddisfare le tue esigenze. Con i diversi plugin offerti potrai rendere il tuo sito completo ed efficace e verrai aiutato a rendere i contenuti più visibili. Anche i temi, gratuiti o a pagamento, sono un’infinità: scegli quello più adatto e il tuo sito sarà davvero uno spettacolo

Fattura Elettronica Professionisti Online

La fattura elettronica ha segnato un cambiamento molto importante per le aziende ed i professionisti di tutto lo stivale. Con l’obbligo di fatturazione elettronica 2019 infatti, la fattura non dovrà più essere sui fogli di carta, ma bensì una fattura elettronica. La fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che permette di lasciare per sempre il foglio di carta e tutti i relativi costi di stampa spedizione e conservazione. La fatturazione elettronica modifica profondamente il modo in cui si compilano, inviano, ricevono e conservano le fatture. Il tracciato con cui le fatture elettroniche devono essere prodotte è chiamato FatturaPa. Si tratta di un flusso di dati strutturati in formato digitale scritto in linguaggio XML, ma con gli stessi contenuti informativi di una fattura cartacea. Fino ad oggi la fattura è stata compilata in vari modi, come le macchine da scrivere, carta e penna tramite editor testuali o fogli di calcolo o usando software di fatturazione e gestionali più o meno avanzati. Una volta compilata dal fornitore, la fattura veniva spedita al cliente via posta, e-mail, ecc… Il il cliente era obbligato a tenere in formato cartaceo il documento ricevuto per almeno 10 anni, quindi le fatture scaricate con l’email dovevano essere stampate. Oggi la fatturazione elettronica definisce un percorso unico standardizzato grazie al Sistema di Interscambio (sdi) dell’Agenzia delle Entrate. La fattura elettronica viene compilata tramite un software di fatturazione elettronica, viene firmata digitalmente, attraverso una firma elettronica qualificata, da chi emette la fattura o dal suo intermediario in modo da garantire origine e contenuto.

La fattura elettronica ha segnato un cambiamento molto importante per le aziende ed i professionisti di tutto lo stivale. Con l’obbligo di fatturazione elettronica 2019 infatti, la fattura non dovrà più essere sui fogli di carta, ma bensì una fattura elettronica. La fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che permette di lasciare per sempre il foglio di carta e tutti i relativi costi di stampa spedizione e conservazione. La fatturazione elettronica modifica profondamente il modo in cui si compilano, inviano, ricevono e conservano le fatture. Il tracciato con cui le fatture elettroniche devono essere prodotte è chiamato FatturaPa. Si tratta di un flusso di dati strutturati in formato digitale scritto in linguaggio XML, ma con gli stessi contenuti informativi di una fattura cartacea. Fino ad oggi la fattura è stata compilata in vari modi, come le macchine da scrivere, carta e penna tramite editor testuali o fogli di calcolo o usando software di fatturazione e gestionali più o meno avanzati. Una volta compilata dal fornitore, la fattura veniva spedita al cliente via posta, e-mail, ecc… Il il cliente era obbligato a tenere in formato cartaceo il documento ricevuto per almeno 10 anni, quindi le fatture scaricate con l’email dovevano essere stampate. Oggi la fatturazione elettronica definisce un percorso unico standardizzato grazie al Sistema di Interscambio (sdi) dell’Agenzia delle Entrate. La fattura elettronica viene compilata tramite un software di fatturazione elettronica, viene firmata digitalmente, attraverso una firma elettronica qualificata, da chi emette la fattura o dal suo intermediario in modo da garantire origine e contenuto.

Chi emette la fattura dovrà poi inviarla al destinatario tramite il Sistema di Interscambio che, per legge, è il punto di passaggio obbligato per tutte le fatture elettroniche emesse verso la Pubblica Amministrazione e verso i privati. Dopo i controlli tecnici automatici, il Sistema di Interscambio ricapiterà il documento alla Pubblica Amministrazione o al soggetto privato a cui è indirizzato.

Il Sistema di Interscambio funziona come da snodo tra gli interessati e ha il compito di controllare che il formato del documento ricevuto sia giusto e che i dati inseriti siano completi.

Quindi riassumendo quali sono i passaggi da seguire?
-Compilare la fattura elettronica
-Firma elettronica qualificata e invio tramite il sistema d’interscambio
-Ricezione e registrazione della fattura
-Conservazione della fattura elettronica
Bene spero che questo articolo vi sia stato di aiuto, per comprendere meglio l’era in cui ci stiamo dirigendo!

La fattura elettronica ha segnato un cambiamento molto importante per le aziende ed i professionisti di tutto lo stivale. Con l’obbligo di fatturazione elettronica 2019 infatti, la fattura non dovrà più essere sui fogli di carta, ma bensì una fattura elettronica. La fatturazione elettronica è un sistema digitale di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture che permette di lasciare per sempre il foglio di carta e tutti i relativi costi di stampa spedizione e conservazione. La fatturazione elettronica modifica profondamente il modo in cui si compilano, inviano, ricevono e conservano le fatture. Il tracciato con cui le fatture elettroniche devono essere prodotte è chiamato FatturaPa. Si tratta di un flusso di dati strutturati in formato digitale scritto in linguaggio XML, ma con gli stessi contenuti informativi di una fattura cartacea. Fino ad oggi la fattura è stata compilata in vari modi, come le macchine da scrivere, carta e penna tramite editor testuali o fogli di calcolo o usando software di fatturazione e gestionali più o meno avanzati. Una volta compilata dal fornitore, la fattura veniva spedita al cliente via posta, e-mail, ecc… Il il cliente era obbligato a tenere in formato cartaceo il documento ricevuto per almeno 10 anni, quindi le fatture scaricate con l’email dovevano essere stampate. Oggi la fatturazione elettronica definisce un percorso unico standardizzato grazie al Sistema di Interscambio (sdi) dell’Agenzia delle Entrate. La fattura elettronica viene compilata tramite un software di fatturazione elettronica, viene firmata digitalmente, attraverso una firma elettronica qualificata, da chi emette la fattura o dal suo intermediario in modo da garantire origine e contenuto.

Chi emette la fattura dovrà poi inviarla al destinatario tramite il Sistema di Interscambio che, per legge, è il punto di passaggio obbligato per tutte le fatture elettroniche emesse verso la Pubblica Amministrazione e verso i privati. Dopo i controlli tecnici automatici, il Sistema di Interscambio ricapiterà il documento alla Pubblica Amministrazione o al soggetto privato a cui è indirizzato.

Il Sistema di Interscambio funziona come da snodo tra gli interessati e ha il compito di controllare che il formato del documento ricevuto sia giusto e che i dati inseriti siano completi.

Quindi riassumendo quali sono i passaggi da seguire?
-Compilare la fattura elettronica
-Firma elettronica qualificata e invio tramite il sistema d’interscambio
-Ricezione e registrazione della fattura
-Conservazione della fattura elettronica
Bene spero che questo articolo vi sia stato di aiuto, per comprendere meglio l’era in cui ci stiamo dirigendo!

Come Gestire un Sito Web Professionale

In questo articolo parleremo della Gestione di un Sito Web Professionale, e quindi della gestione totale del sito internet, DNS, i vari tipi di contenuti e gli aggiornamenti dove possibile.

Non vi preoccupate, la gestione di un Sito Web non richiede particolari abilità, e con qualche guida non serve un genio dell’informatica, le uniche cose che non potrai aggiornare te lo riferirà chi ha sviluppato il sito internet. I requisiti richiesti per gestire un sito web in autonomia sono semplicemente:

• Un po’ di pazienza nell’imparare qualcosa di basilare se si sa già usare il computer;

• Qualche ora per fare tue queste conoscenze e altrettanto tempo per la effettiva gestione     del tuo sito web;

• Conoscere che CMS utilizza il tuo sito web per la gestione dei contenuti.   

Che cos’è il CMS? Il CMS è uno strumento software, installato su un server web, il cui compito è facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando il webmaster da conoscenze tecniche specifiche di programmazione Web. Esistono CMS specializzati, cioè appositamente progettati per un tipo preciso di contenuti (una wiki, un blog, un forum, un giornale online, ecc.) e CMS generici, che tendono a essere più flessibili per consentire la pubblicazione di diversi tipi di contenuti.

Il metodo con cui è realizzato un sito internet è il pilastro sul quale si basa la possibilità di gestire un sito web in autonomia da parte di tutti, anche per chi non è per niente pratico di siti internet. Questo è anche un motivo per molti siti utilizzano WordPress, un CMS semplice da usare per la utenza comune. Ci sono molti altri CMS, e tutti sono potenzialmente utilizzabili e gestibili con semplicità conoscendo le caratteristiche.

Dopo aver constatato con quale CMS è fatto il tuo sito web, per poterlo gestire devi imparare le caratteristiche principali che servono per creare e modificare contenuti, che siano testuali o un semplice inserimento d’immagini, come creare pagine e/o articoli se il sito web ha un blog o una sezione di news. Ricordatevi di aggiornare il CMS ed i suoi plugin per un funzionamento corretto.

Per imparare come usare il CMS del tuo sito web hai due semplici alternative: Leggere le guide ufficiali presenti online oppure fare una serie di consulenze che ti permetteranno di gestire il CMS in perfetta autonomia, consigliabili nel caso il tuo sito web ha caratteristiche aziendali.

Per gestire un sito web professionale quindi, basta solo un ritaglio di tempo per conoscere cosa c’è dietro. Riuscirai in questo modo, in autonomia, a personalizzare il tuo sito web, rendendolo perfetto per le tue esigenze.

Cos’è l’Hosting WordPress Gestito

In questo articolo parleremo di Cos’è l’Hosting WordPress Gestito, ma intanto partiamo dalle basi per i più novizi nell’argomento.

Cos’è WordPress? WordPress è una piattaforma software di “blog” e content management system (CMS) open source ovvero un programma che, girando lato server, consente la creazione e distribuzione di un sito Internet formato da contenuti testuali o multimediali, facilmente gestibili ed aggiornabili in maniera dinamica. È tra i CMS più usati al mondo, anche grazie ai suoi plugin e alla sua relativa facilità nell’utilizzo.

E l’Hosting a cosa serve? Un Hosting può servire anche per fornire l’infrastruttura per un servizio informatico. Ad esempio, ci sono molte aziende che usano host per allocare, programmi, applicazioni o anche un server Web per aziende e privati. I server di cui un Hosting provider fornisce i servizi.

Perché dovreste scegliere un Hosting WordPress Gestito? L’hosting gestito dell’ambiente WordPress, ad aggiornare temi e plugin, alla sicurezza, all’ottimizzazione delle prestazioni. Con Hosting WordPress Gestito potrai focalizzarti sul tuo progetto e sfruttare al massimo le potenzialità di WordPress senza preoccuparti d’altro.

Bisogna la scelta giusta per il vostro business. Forse iniziate con un metodo autonomo per gestire WordPress per poi passare all’hosting gestito in corrispondenza alla crescita. Oppure potete investire nell’hosting gestito per iniziare e concentrare tutti i vostri sforzi per sviluppare la vostra attività. Non esiste un percorso corretto o sbagliato, ma intanto elenchiamo i punti a favori dell’hosting di WordPress gestito:

• Il Supporto: Il motivo principale per cui scegliere un hosting WordPress gestito è un servizio di supporto superiore. I provider di hosting WordPress gestiti in genere gestiscono solo la piattaforma WordPress.

• Le Alte Prestazioni: Un’altra ragione per cui scegliere un provider di hosting WordPress gestito è che i loro ambienti sono in genere ottimizzati per funzionare con WordPress.

• La Portata Globale: Oltre alle prestazioni a livello di server, i provider di hosting WordPress gestiti dispongono in genere di una più ampia infrastruttura progettata per la copertura globale.

• Backup Automatici: L’hosting gestito ti permette di avere sempre dei backup del vostro sito WordPress.

• Sicurezza: In genere, negli ambienti di hosting condiviso non forniscono alcuna assistenza in caso di hacking o di malware. Se il vostro sito è violato, voi siete responsabili. Molti provider di hosting WordPress gestito prevedono supporto nel caso in cui sito sia violato e dispongono di sistemi per proteggervi dal malware.

Ora sta a voi scegliere fra le tre grandi categorie: Un WordPress Condiviso, un WordPress fai-da-te in totale autonomia o un Hosting WordPress Gestito.

Lavorare da casa per grandi aziende

Se un tempo lavorare da casa per grandi aziende poteva sembrare un’utopia, oggi è possibile. In un mondo dove le tecnologie si evolvono a velocità supersonica il lavoro manuale diminuisce sempre di meno: a volte basta un cellulare o un computer o qualche buona conoscenza informatica per avere il lavoro dei propri sogni e farlo da casa. Non solo aziende internazionali: ci sono anche aziende italiane che offrono lavoro da casa. Andiamo a scoprirne alcune.

In primis, non si può non nominare Amazon: il colosso dell’e-commerce a volte apre posizioni virtuali per persone qualificate che abitano in determinate aree. Per cui se non abiti vicino a una sede Amazon fisica o se semplicemente vuoi dare un’occhiata alle possibilità di lavoro virtuale nella tua area, il sito di Amazon potrebbe essere il posto giusto. Le posizioni virtuali non sono disponibili in tutte le aree: è possibile discutere domande specifiche sulle posizioni virtuali durante i colloqui con il responsabile del tuo reclutamento.

Conosci bene le lingue straniere e sogni di lavorare facendone uso? Dai un’occhiata a LanguageLine Solution! Questa azienda offre la possibilità di diventare un interprete o un traduttore e farlo direttamente da casa. Con questo lavoro potrai dare una mano a chi non conosce bene l’inglese o a chi si occupa di settori specifici e ha bisogno di un “comunicatore”.

Avrete sentito parlare anche di Appen, leader globali nello sviluppo dataset di alta qualità per l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale. Collabora con le aziende tecnologiche leader a livello mondiale per migliorare i loro prodotti basati sull’apprendimento automatico e cercano lavoratori da casa di vario genere, dagli esperti di marketing e finanza fino a traduttori e interpreti.

Hai sempre considerato il lavoro in un call-center stressante e sottopagato? In parte forse è vero, ma c’è un’azienda che propone lo stesso tipo di lavoro con una paga ragionevole e, soprattutto, da casa! Questa è LiveOps, che offre spesso lavoro nelle per assistenza clienti in tantissimi ambiti: assistenza sanitaria, vendite, assistenza stradale o in campo assicurativo.

Infine, come non nominare la Xerox, leader mondiale nella tecnologia di documenti e servizi connessi alle imprese, tra cui fotocopiatrici, stampanti in bianco e nero, sistemi multifunzione, soluzioni di scanner e workflow. Le posizioni per lavorare da casa con questa azienda sono supporto tecnico, assistenza clienti e  programmazione di software.

Le opportunità di lavoro da casa per grandi aziende sono più di quante pensassi vero? Ora sta a te scegliere il lavoro del tuo futuro.